Blog: http://Libera_Informazione.ilcannocchiale.it

DUELLO TV BERLUSCONI - PRODI : ATTO PRIMO

ATTO PRIMO

“Soltanto coloro che vogliono ingannare i popoli e governare a proprio vantaggio possono volere mantenerli nell’ignoranza,poiché,quanto più i popoli saranno illuminati,tanta più gente sarà convinta della necessità delle leggi”
[ Napoleone Bonaparte ]



[ Clément-Auguste Andrieux: La bataille de Waterloo. 18 juin 1815, 1852 ]

Proprio come Napoleone Bonaparte dopo la sconfitta di Mosca (nel confronto con l’onorevole Diliberto), ecco arrivare per Berlusconi la triste Waterloo politica.
Il confronto,lento e noioso,ha premiato la pacatezza Prodiana contro l’esuberanza del Cavaliere,difficile da imbrigliare con regolamenti ferrei come quelli previsti per quest’occasione.
Nel dopo-confronto i pareri dei politici sono differenti : centrodestra esulta per la grande vittoria,centrosinistra pure.Come se noi,popolo osservatore,non avessimo occhi per guardare,orecchie per sentire ed intelletto per comprendere : non sono altro che reazioni politiche tristemente patetiche in difesa dei proprio Leader,nulla più.



Passiamo ad individuare a grandi linee la scaletta di questo ATTO PRIMO :
Attori Protagonisti : B. & P.

* Scena 1 : Come sarà finanziata la riduzione del cuneo fiscale di ben 5 punti promessa prima in 100 giorni poi in 1 anno da Prodi *
P: Nessun aumento di imposta;Aumento del costo del lavoro precario e riduzione del costo dell’ora di lavoro;Diminuzione dell’evasione fiscale ripristinando un’etica del dovere.
B: I sindacati sono contrari al taglio di 5 punti perché fino a 3 possono essere fatti ma per tagliare i 2 successivi si dovrebbero intaccare i contributi pensionistici mettendo a rischio le pensioni;Noi abbiamo ridotto le tasse per l’80% dei contribuenti.

* Scena 2 : Irap *
B: Il governo Prodi ha approvato questa tassa rapina bocciata oggi dalla commissione europea
- N.B. : la commissione europea non ha bocciato ancora nulla,ha solo espresso un parere negativo. -
P: Perché allora il governo Berlusconi non l’ha cancellata

* Scena 3 : Aumento prezzi dopo l’introduzione dell’Euro *
B: Il governo ha reagito con i mezzi a disposizione di un governo liberale perché nemmeno le dittature sono riuscite a controllare i prezzi : abbiamo fatto un accordo con la grande distribuzione per la conversione dei prezzi in Euro. Il governo ha puntato tutto sul contenimento dell’inflazione che si è fermata all’1,9%,ha aumentato le pensioni a 1.851.000 pensionati ed ha aumentato gli stipendi dei dipendenti pubblici.
P: Non è vero che negli altri Paesi entrati nell’Euro i prezzi sono saliti come in Italia,e non è vero che gli altri governi sono rimasti inattivi : i problemi li ha creati il nostro governo che non ha fatto controlli.Il Presidente del Consiglio non so come possa dire che bisognava avere il cambio lira-euro a 1.500 lire,tutto il sistema italiano sarebbe fallito : il cambio fissato è stato un trionfo e lodato anche dal ministro Tremonti.

* Scena 4 : Richiamo alla Scena 1 “l’impossibile possibile” *
P: Aumento del costo del lavoro precario facendo un discorso chiaro sulle rendite finanziare;riduzione dell’evasione fiscale. Oggi se si deve essere contenti di un deficit al 4,1 % vuol dire che siamo messi male.
B: L’Ecofin ha approvato i conti 2006,i conti disastrati li abbiamo ereditati dalla sinistra con un buco di 32 mila miliardi ed un deficit reale del 3,2%. Noi abbiamo garantito la pace sociale,abbiamo aperti 71 cantieri,aumentato le pensioni e ridotto le tasse : abbiamo fatto una conduzione miracolosa dei conti pubblici.

* Scena 5 : Immigrazione e code disumane alla posta in questi giorni *
B: Siamo il paese in Europa con meno immigrati,regolari ed irregolari,abbiamo ridotto del 51% l’immigrazione clandestina. La sinistra invece vorrebbe chiudere i CPT e lasciare porte aperte. Le code fuori dagli uffici postali dimostrano la nostra volontà di regolarizzare il lavoro sommerso. I 635.000 immigrati che abbiamo regolarizzato erano qui perché la sinistra aveva aperto tutte le porte.
P: Non so dove viva il Premier,vuole soffocarci di numeri. Il fatto è che non è stata fatta nessuna programmazione.

* Scena 6 : Le infrastrutture e l’opposizione delle comunità locali che bloccano i lavori pubblici *
P: Le opere pubbliche si portano avanti cercando un accordo serio con le comunità locali. Il governo Berlusconi ha messo in atto 250 miliardi di Euro per le opere pubbliche ma ne ha stanziati solo il 20% e speso il 10% : ora ci sono mille cantieri che non finiscono mai. Noi dedicheremo la nostra attenzione a completare le opere in corso. In quanto alla TAV nel nostro programma c’è la realizzazione delle due grandi rete europee.
B: Demagogia Pura,ribaltamento della realtà.Noi abbiamo messo in circolo 51 miliardi di Euro,abbiamo fatto 10 volte di più di quello che ha fatto la sinistra : se Prodi dovesse vincere dovrà fare i conti con un 20% di comunisti,verdi e no global che sono contro le opere di ammodernamento del paese.

* Scena 7 : Quante donne al governo ? *
B: Abbiamo aumentato la presenza femminile ma non è facile trovare professioniste del settore.
P: Serve una legge,una legge che la maggioranza del centrodestra non ha voluto fare per avere una rappresentanza femminile forte.

* Scena 8 : Scuola ed Università *
B: Vogliono azzerare la riforma della scuola.La riforma penso sia buona cosa : abbiamo creato otto licei e creato una formazione professionale di livello europeo e si può passare dai licei alla formazione professionale e dalla formazione professionale ai licei fino a 18 anni. Alla fine della scuola i ragazzi parleranno inglese come una seconda lingua.
P: Non vogliamo cancellare tutto ciò che è stato fatto da questo governo ; quando vincerò le elezioni inviterò Berlusconi e Letta per dei colloqui e per fare un passaggio delle consegne serio. Perché intendo dare vita ad un governo che unisce,non che divide. Sulla riforma della scuola ci sono cose che non condividiamo : la scelta sul liceo a 13 anni è troppo prematura mentre sono umiliate le scuole tecniche.

* Scena 9 : Il Conflitto d’Interessi *
P: In tutti i paesi democratici esiste una legge sul conflitto d’interessi.Non la faremo in modo vendicativo,io non ho nulla contro Mediaste. Ma non possiamo continuare con un premier che entra e esce dal consiglio dei Ministri come una porta girevole. Quanto alle cooperative che Berlusconi disprezza : rappresentano il 7% del nostro PIL,sono previste dalla Costituzione e la loro tassazione l’ha decisa il suo governo.
B: La legge sul conflitto d’interessi che abbiamo fatto noi è quella approvata dalla Camera all’unanimità quando eravamo all’opposizione. Poi la sinistra non l’approvò al Senato perché gli faceva comodo usarla come una clava contro il presidente del Consiglio. La sinistra ha tentato di distruggere Mediaste ed il vero conflitto d’interessi è quello fra sinistra,le sue giunte e la Lega Coop con la copertura della magistratura organica alla sinistra.

* Scena 10 : Rapporto con Forze Sociali,Sindacati e Confindustria *
P: Governare con dialogo,concertazione e poi ci sarà la decisione. E credo di poter fare bene tutto ciò per la libertà che ho dai partiti e per i 4 milioni di voti alle primarie. Voglio riavviare la corsa del Paese,dare speranza alle nuove generazioni.L’Italia non può crescere continuando a coltivare divisioni. E questo è lo stile,diverso,che voglio avere.
B: L’accordo l’abbiamo sempre cercato con tutte le parti sociali ma i Sindacati si sono mostrati come una ruota dell’ingranaggio della sinistra. L’85% degli scioperi sono stati legati a motivazioni politiche. Confindustria non è contro di noi perché non c’è nulla fra le richieste di Confindustria che non sia stato trasformato in cose concrete.

N.B: : i dialoghi non corrispondono esattamente e perfettamente alle parole pronunciate,stesso discorso per l'ordine di risposta.

Pubblicato il 16/3/2006 alle 21.59 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web